Rotten, Secret Diplomatic Meeting that Launched UN Frenzy against Syria

Late January saw the UN launch increasingly frenzied attacks on the Syrian Arab Republic.  Even by the vicious, destructive standards of this organization, the P3 mafiosi and their well-manicured house servants, the barrage of criminal lies and undiplomatic insults was staggering.  Gutteres called for the SAR to be ‘referred’ to the ICC.  Zeid frothed over the monstrous annihilation of al Qaeda occupying Eastern Ghouta.  The gang held a meeting to impose a unilateral cessation of hostilities on Syria.   So rabid were the UN hyenas that they ignored the reports of their own OCHA in Damascus, when lying about starvation. 

L’italiano segue l’inglese.  Scusino che non sia perfetta, ma si capisce.

The colonialist rantings of the UN clique are always the most dissonant when the SAA is making great strides in liberating every inch of Syria from foreign imposed terrorism.  This round of savagery has had a sense of urgency to it.  That is because the P3 thugs — France, UK, US, history’s leading genocidalists — had held a secret meeting that included the wahhabi dictatorship of Saudi occupied Arabia, and Jordan (cc’d to Stefan de Mistura, their Dalmatian who had been a no show in Aleppo, after offering himself as a human shield for takfiri.).  Calling themselves the Small American Group on Syria, humanity’s greatest demons held a secret meeting on 11 January, in Washington, DC to discuss F/UK/US’s plans to disintegrate the SAR.  A second meeting was to be held on 23 January, in Paris.  In several addresses to the Security Council, H.E. al Jaafari alluded to this evil gang and their atrocious conspiracy against his country.  On 2 February, he emphatically stated “…we will not tolerate the plans of the 5 governments that met in Washington last month.”

In possession of a diplomatic telegram, Pan Arabic al Akhbar gave a detailed report 24 February on the nefarious, colonialist plot:

In a somewhat familiar but precise English, Benjamin Norman – a diplomat in charge of the Middle East at the British Embassy in Washington – reports in a confidential diplomatic telegram of the first meeting of the “Small American Group on Syria” (United States, Great Britain, France, Saudi Arabia and Jordan), held in Washington on January 11, 2018.

In this five-page TD, he reveals the details of the “Western strategy” in Syria: partition of the country, sabotage of Sochi, framing of Turkey and instructions to the UN Special Representative Staffan de Mistura who leads the negotiations of Geneva. A Non Paper (8 pages) accompanies this TD in anticipation of the second meeting of the “Small Group”. It was held in Paris on January 23, mainly devoted to the use of chemical weapons and the “instructions” sent by the “Small American Group” to Staffan de Mistura.

Hugh Cleary (Head of the Near and Middle East Department of the Foreign Office ), Jérôme Bonnafont (Director ANMO / North Africa and Middle East at the Quai d’Orsay), David Satterfield (US Assistant Secretary of State for the Middle East) and Jordanian Nawaf Tell and Saudi Jamal al-Aqeel attended the January 11 meeting in Washington. The American opened the meeting, stating that a second meeting would be held in Paris on January 23.

David Satterfield confirmed that President Trump has decided to maintain a large US military presence in Syria, despite the victory over the “Islamic State Organization” (Daesh); the cost of this maintenance being set at $ 4 billion annually. He said that this US military presence should prevent any resurgence of Daesh but, above all, to prevent the Iranians from what he called as settling permanently and imposing themselves in the search for a political solution”. Thirdly, he insisted that the first meeting of the “Small Group” should also provide “material and political support for Staffan de Mistura to” consolidate the Geneva process “.

All the participants welcomed this development very positively in order to “make substantial progress in Syria during the year 2018” and “respond to the propaganda of a Russian victory”. Then, the participants insisted on the “Russian desire to achieve a political solution” that was to be used to make the “Small Group” objectives “more operational”.

The United States noted that they would no longer participate in the Astana meetings, having reduced “their participation to a very low level, to emphasize their commitment to Geneva”; in definitive terms, it was decided to “draw a conceptual line on Astana to return to Geneva”. They then felt that so far “Geneva remained a failure, despite the efforts of Staffan de Mistura”. They were very cautious about including the ceasefire in the Geneva talks: “the truth is that we just do not have the ability to prevent the regime from nibbling the pockets of the opposition. remaining in Idlib and East of Ghouta “.

TD reports great progress “made by the opposition over the last few months,” pointing out that “it will still need to be more flexible to ensure that the Regime does not leave Geneva (…) while the Americans do not support the assumption of a transitional government as provided for in UN Security Council Resolution 2254 “.

The text adds that “it would still be useful for the opposition to stop agitating this assumption all the time …”. It was also agreed that “the opposition had to be more flexible and stop agitating the bogeyman of a transitional government without changing the final goal of partitioning Syria and leaving Bashar al-Assad.

The French representative – Jérôme Bonnafont – posed the problem of a possible participation of Bashar al-Assad in future elections. David Satterfield responded that “the goal was to create conditions and institutions that would allow elections that Assad could not win.”

Satterfield added that “there is no flagrant reason” to prevent Assad from being a candidate. Under these conditions, it was mainly a question of testing Russia’s intentions, especially so that it could “get the regime to discuss a new constitution, free elections under the control of the United Nations, and the creation of an environment likely to favor these two processes”.

Unrestricted agreement of all members of the “Small Group” meeting to “no longer be satisfied with Lavrov’s honeyed words, in order to put Moscow under pressure”. For Satterfield, it is about getting the Russians to let Assad go, “through meetings of the Security Council and a broad public communication campaign,” believing that the announced re-election of Vladimir Putin positively undermined the Russian position.

One of the conclusions of this first meeting of the “Small Group” is perfectly clear: “to reinvigorate Geneva so that Sochi becomes irrelevant”; France demanding more “transparency on the Russian position”. But it is still not to oppose “frontally” in Sochi “with the advantage of gathering a significant share of the Syrian civil society”, to bring back the “most positive contributions to Geneva, to renew and relaunch this format of Geneva.

The Saudis warned of a “risk of fragmentation of the different opposition groups and asked for help to maintain the cohesion of the opposition.” Satterfield replied that their representatives should “be more involved in finding a political solution rather than enjoy great salaries and long stays in pleasant hotels.” France supported this remark by emphasizing “communication”. In this regard, the British TD makes the following comment: “Unfortunately, the Fifth French Republic is not intended to finance this effort,” British representatives recalling “that the communication of the opposition was funded in the first place by … the United Kingdom “.

David Satterfield then explained that the Turkish opposition to the “Kurdish People’s Protection Units (YPG)” prevented the Kurds from participating in Geneva. While understanding Ankara’s position, he stressed that “we could not ignore a group that controlled a third of Syria (SIC) and took the largest part in the fight against Daesh “.

He explained that “Americans were seeking to establish multi-ethnic leadership in northeastern Syria to dilute the hegemony of the YPG.” On the other hand, it was necessary to impose the SDF (Syrian Democratic Forces, mainly Kurdish and under American control) in the process of Geneva.

Comment from the TD author: “I understand that the United States will appoint William (Bill) Roebuck, their former ambassador to Bahrain, as the SDF Special Representative. I will follow, but it is worth remembering – according to the separate discussions we had, for example with Fiona Hill – that relations between the United States and Turkey are already bad and unlikely to improve. As a result, Americans are not in the best position to do – solo – the big job with SDF and Ankara.

The objective is clearly defined: “to get Staffan de Mistura to accept in Geneva a tripartite structure incorporating the opposition, Assad and the SDF”.

Moreover, the Deputy Secretary of State indicates that a “Non-Paper – Reviving the Syrian Political Track in Geneva – will be communicated to Staffan de Mistura before the meeting of January 23 in Paris,” in order to put the Russians at the foot of the Wall “. This document includes: “a political road map, the elements of a constitutional reform, the UN election supervision structure and guidelines for the establishment of a peaceful environment”.

For their part, the Jordanians called the session “Small Group” of “meeting publique most secret of all time.” And the author of the TD concludes: “For the moment, we must keep a group consisting only of the United States, Great Britain, France, Saudi Arabia and Jordan. The next to be invited should be Egypt and Germany (for whom we have pleaded). Turkey should also join the group, but the discussion with it may be poisoned by the Kurds, which will make it more difficult to neutralize Astana. It is therefore not urgent to integrate these last three countries.”

The concluding comments of this TD speak volumes about the future of Western strategy in Syria. The three key conclusions underscore “a real reaffirmation of US leadership behind the scenes …”. The second perspective is to “keep the pressure on Russia, even if Russia can not convince Moscow to let go of the regime as we had hoped.” In this regard, “we must continue – what we are already doing – to denounce the horrible humanitarian situation as well as the Russian complicity in the campaign of bombing civilian targets.” Finally, concludes the author of TD, “the Americans told me how much they appreciated our contribution and our support in recent months as they were finalizing their strategy.”

This does not augur a forthcoming crisis in Syria in a context marked by four major developments of the most worrying. 1) The United States has decided to strengthen and diversify their nuclear posture. The Pentagon has announced that it will develop miniaturized tactical nuclear weapons “to adapt to new international threats”. Iranian President Hassan Rohani responded: “How can anyone speak of world peace and at the same time announce that he is developing new nuclear weapons for his main enemies?”

2) NATO Defense Ministers agreed on 14 and 15 February in Brussels on the outline of a new overhaul of the Atlantic Alliance command structures. This “adaptation – the largest since the end of the Cold War”, according to Secretary General Jens Stoltenberg, is proposed by the US military. It aims to make the Alliance more effective in a high-intensity crisis. Clearly, it is “better to deter and respond to new threats from certain states, first and foremost Russia.”

3) In the aftermath of the destruction of an Israeli fighter in Syrian airspace, and while Israeli police demand the indictment of Prime Minister Benyamin Netanyahu for corruption, Tel-Aviv accuses Iran of establishing itself in Syria and threatens to multiply its military operations. This is not the first time that the Israeli prime minister – who refuses to resign – is using the resurgence of regional tension to consolidate his personal power and his alliance with the extreme right of the country.

4) Finally, Washington’s military support for the Kurds in Syria continues to provoke the Ankara era. The crisis of confidence is consumed and the Turkish-American axis is on the brink of rupture. Second NATO contingent, the Turkish army had to accompany the conservative and anti-Western turn after the failed coup of July 2016. Mission has been given to a general with conservative and Islamist tendencies to restructure the derailed Turkish army by the purges. [Description: [​IMG]]

Ultimately, the British TD perfectly reflects the Western strategy in Syria: to sabotage the Sochi peace efforts, to add two new wars to the Syrian crisis: that of the Turks against the Kurds and those of the Israelis against Iran and the Lebanese Hezbollah. “The Americans have never admitted their military defeat in Syria and do not want to let go and especially their main strategic objective,” said a senior French diplomat, “that of a dismantling of Syria, the type of one who has been driven to Iraq and Libya. Their desire is to arm the Kurds to control the oil areas of eastern Syria in order to influence the political and economic reconstruction of the country. Peace is not for tomorrow.

English translation by FNA.  French, here.

Related:  Reports on  UNSCR 2254 and the fascist fraud of the SDF.

 

Riunione Diplomatica Segreta e Marcia Che Ha Lanciato La Frenesia delle Nazioni Uniti contro La Siria

Alla fine di gennaio, l’ONU ha lanciato attacchi sempre più frenetici alla Repubblica araba siriana. Anche per gli standard viziosi e distruttivi di questa organizzazione, i mafiosi P3 e i loro domestici ben curati, la raffica di menzogne ​​criminali e insulti non diplomatici era sbalorditiva. Gutteres ha chiesto che il SAR venga “riferito” all’ICC. Zeid emise spavalderia sul mostruoso annientamento di al Qaeda che occupava Ghouta orientale. La banda ha tenuto un incontro per imporre una cessazione unilaterale delle ostilità in Siria. Così rabbiose erano le iene delle Nazioni Unite che ignoravano i rapporti del loro stesso OCHA a Damasco, quando mentivano sulla fame.

Le discordie colonialiste della cricca dell’ONU sono sempre le più dissonanti quando l’ASA sta facendo grandi passi avanti nel liberare ogni centimetro della Siria dal terrorismo imposto dall’estero. Questo round di barbarie ha avuto un senso di urgenza. Questo perché i teppisti P3 – Francia, Regno Unito, Stati Uniti, i principali genocidi della storia – avevano tenuto un incontro segreto che includeva la dittatura wahhabita dell’Arabia occupata saudita e la Giordania (inviata a Stefan de Mistura, il loro dalmata che era stato un no mostra ad Aleppo, dopo essersi offerto come scudo umano per il takfiri.). Chiamandosi il piccolo gruppo americano sulla Siria, i più grandi demoni dell’umanità hanno tenuto un incontro segreto l’11 gennaio a Washington, DC, per discutere i piani di F / UK / USA per disintegrare la SAR. Un secondo incontro si sarebbe tenuto il 23 gennaio a Parigi. Nei suoi discorsi al Consiglio di sicurezza, H.E. al Jaafari ha alluso a questa banda malvagia e alla loro atroce cospirazione contro il suo paese.

In possesso di un telegramma diplomatico, Pan Arabic al Akhbar ha presentato un rapporto dettagliato il 24 febbraio sulla nefasta trama coloniale:

In un inglese un po ‘familiare ma preciso, Benjamin Norman – diplomatico incaricato del Medio Oriente presso l’ambasciata britannica a Washington – riferisce in un telegramma diplomatico confidenziale del primo incontro del “Piccolo gruppo americano sulla Siria” (Stati Uniti, Gran Bretagna). Gran Bretagna, Francia, Arabia Saudita e Giordania), tenutasi a Washington l’11 gennaio 2018.

In questo TD di cinque pagine, rivela i dettagli della “strategia occidentale” in Siria: partizione del paese, sabotaggio di Sochi, incorniciatura della Turchia e istruzioni al rappresentante speciale delle Nazioni Unite, Staffan de Mistura, che guida i negoziati di Ginevra. A Non Paper (8 pagine) accompagna questo TD in previsione del secondo incontro del “Piccolo Gruppo”. Si è tenuto a Parigi il 23 gennaio, principalmente dedicato all’uso di armi chimiche e alle “istruzioni” inviate dal “Piccolo gruppo americano” a Staffan de Mistura.

Hugh Cleary (Capo del dipartimento del Medio Oriente e del Medio Oriente), Jérôme Bonnafont (Direttore ANMO / Nord Africa e Medio Oriente al Quai d’Orsay), David Satterfield (Segretario di Stato americano per il Medio Oriente) e Jordanian Nawaf Tell e Saudi Jamal al-Aqeel hanno partecipato all’incontro dell’11 gennaio a Washington. L’americano ha aperto la riunione, affermando che un secondo incontro si terrà a Parigi il 23 gennaio.

David Satterfield ha confermato che il presidente Trump ha deciso di mantenere una grande presenza militare statunitense in Siria, nonostante la vittoria sulla “Organizzazione dello Stato islamico” (Daesh); il costo di questa manutenzione è fissato a $ 4 miliardi all’anno. Ha detto che questa presenza militare statunitense dovrebbe impedire ogni risorgere di Daesh ma, soprattutto, impedire agli iraniani di stabilirsi definitivamente e imporsi nella ricerca di una soluzione politica “. In terzo luogo, ha insistito sul fatto che il primo incontro del “Piccolo gruppo” dovrebbe anche fornire “sostegno materiale e politico a Staffan de Mistura per” consolidare il processo di Ginevra “.

Tutti i partecipanti hanno accolto positivamente questo sviluppo per “fare progressi sostanziali in Siria durante l’anno 2018” e “rispondere alla propaganda di una vittoria russa”. Quindi, i partecipanti hanno insistito sul “desiderio russo di raggiungere una soluzione politica” che doveva essere utilizzato per rendere gli obiettivi “Piccolo gruppo” “più operativi”.

Gli Stati Uniti hanno osservato che non parteciperebbero più agli incontri di Astana, avendo ridotto “la loro partecipazione ad un livello molto basso, per sottolineare il loro impegno a Ginevra”; in termini definitivi, si è deciso di “tracciare una linea concettuale su Astana per tornare a Ginevra”. Hanno poi pensato che finora “Ginevra è rimasta un fallimento, nonostante gli sforzi di Staffan de Mistura”. Sono stati molto cauti nell’includere il cessate il fuoco nei colloqui di Ginevra: “la verità è che semplicemente non abbiamo la capacità di impedire al regime di mordicchiare le tasche dell’opposizione. rimanendo in Idlib e ad est di Ghouta “.

TD riporta grandi progressi “fatti dall’opposizione negli ultimi mesi”, sottolineando che “dovrà ancora essere più flessibile per garantire che il regime non lasci Ginevra (…) mentre gli americani non sostengono l’ipotesi di un governo di transizione come previsto dalla risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite “.

Il testo aggiunge che “sarebbe comunque utile che l’opposizione smetta di agitare questa ipotesi per tutto il tempo …”. È stato anche concordato che “l’opposizione doveva essere più flessibile e smettere di agitare lo spauracchio di un governo di transizione senza cambiare l’obiettivo finale di spartire la Siria e lasciare Bashar al-Assad.

Il rappresentante francese – Jérôme Bonnafont – ha posto il problema di una possibile partecipazione di Bashar al-Assad alle prossime elezioni. David Satterfield ha risposto che “l’obiettivo era creare condizioni e istituzioni che permettessero elezioni che Assad non potesse vincere”.

Satterfield ha aggiunto che “non esiste una ragione flagrante” per impedire ad Assad di candidarsi. In queste condizioni, era principalmente una questione di testare le intenzioni della Russia, in particolare in modo che potesse “convincere il regime a discutere una nuova costituzione, elezioni libere sotto il controllo delle Nazioni Unite e la creazione di un ambiente che potesse favorire questi due processi”.

L’accordo senza restrizioni di tutti i membri dell’incontro “Piccolo gruppo” per “non essere più soddisfatto delle parole mielate di Lavrov, al fine di mettere Mosca sotto pressione”. Per Satterfield, si tratta di convincere i russi a lasciare Assad, “attraverso le riunioni del Consiglio di sicurezza e una vasta campagna di comunicazione pubblica”, ritenendo che l’annunciata rielezione di Vladimir Putin abbia indebolito positivamente la posizione russa.

Una delle conclusioni di questo primo incontro del “Piccolo gruppo” è perfettamente chiara: “rinvigorire Ginevra in modo che Sochi diventi irrilevante”; La Francia chiede più “trasparenza sulla posizione russa”. Ma non è ancora contrario a “frontalmente” a Sochi “con il vantaggio di raccogliere una quota significativa della società civile siriana”, per riportare “i contributi più positivi a Ginevra, per rinnovare e rilanciare questo formato di Ginevra.

I sauditi hanno avvertito di un “rischio di frammentazione dei diversi gruppi di opposizione e hanno chiesto aiuto per mantenere la coesione dell’opposizione”. Satterfield ha risposto che i loro rappresentanti dovrebbero “essere più coinvolti nel trovare una soluzione politica piuttosto che godere di grandi stipendi e lunghi soggiorni in alberghi piacevoli. “La Francia ha sostenuto questa osservazione enfatizzando la” comunicazione “. A questo proposito, il TD britannico fa il seguente commento: “Sfortunatamente, la quinta Repubblica francese non è destinata a finanziare questo sforzo”, i rappresentanti britannici ricordano “che la comunicazione dell’opposizione è stata finanziata in primo luogo da … il Regno Unito” .

David Satterfield ha poi spiegato che l’opposizione turca alle “Unità di protezione del popolo curdo (YPG)” ha impedito ai kurdi di partecipare a Ginevra. Pur comprendendo la posizione di Ankara, ha sottolineato che “non potevamo ignorare un gruppo che controllava un terzo della Siria (SIC) e ha preso la maggior parte nella lotta contro Daesh”.

Ha spiegato che “gli americani stavano cercando di stabilire una leadership multietnica nel nord-est della Siria per diluire l’egemonia del YPG”. D’altra parte, era necessario imporre l’SDF (le forze democratiche siriane, principalmente curde e sotto controllo americano) in il processo di Ginevra.

Commento dell’autore del TD: “Capisco che gli Stati Uniti nomineranno William (Bill) Roebuck, il loro ex ambasciatore in Bahrain, come rappresentante speciale della SDF. Seguirò, ma vale la pena ricordare – secondo le discussioni separate che abbiamo avuto, per esempio con Fiona Hill – che le relazioni tra Stati Uniti e Turchia sono già cattive e improbabili da migliorare. Di conseguenza, gli americani non sono nella posizione migliore per fare – solo – il grande lavoro con SDF e Ankara.

L’obiettivo è chiaramente definito: “ottenere da Staffan de Mistura l’accettazione a Ginevra di una struttura tripartita comprendente l’opposizione, Assad e SDF”.

Inoltre, il Vice Segretario di Stato indica che un “Non-Paper – Rivivere la pista politica siriana a Ginevra” sarà comunicato a Staffan de Mistura prima della riunione del 23 gennaio a Parigi, “per mettere i russi ai piedi di il muro “. Questo documento include: “una road map politica, gli elementi di una riforma costituzionale, la struttura di supervisione elettorale delle Nazioni Unite e linee guida per la creazione di un ambiente pacifico”.

Da parte loro, i giordani hanno definito la sessione “Small Group” di “incontrare il publique più segreto di tutti i tempi”. E l’autore del TD conclude: “Per il momento, dobbiamo mantenere un gruppo composto solo dagli Stati Uniti, Grande Gran Bretagna, Francia, Arabia Saudita e Giordania. I prossimi ad essere invitati dovrebbero essere l’Egitto e la Germania (per i quali abbiamo chiesto). Anche la Turchia dovrebbe unirsi al gruppo, ma la discussione potrebbe essere avvelenata dai curdi, il che renderà più difficile neutralizzare Astana. Non è quindi urgente integrare questi ultimi tre paesi “.

I commenti conclusivi di questo TD parlano del futuro della strategia occidentale in Siria. Le tre conclusioni chiave sottolineano “una vera riaffermazione della leadership degli Stati Uniti dietro le quinte …”. La seconda prospettiva è “mantenere la pressione sulla Russia, anche se la Russia non può convincere Mosca a lasciar andare il regime come speravamo”. A questo proposito, “dobbiamo continuare – ciò che stiamo già facendo – per denunciare l’orribile situazione umanitaria e la complicità russa nella campagna di bombardamento di obiettivi civili “. Infine, conclude l’autore di TD,” gli americani mi hanno detto quanto hanno apprezzato il nostro contributo e il nostro sostegno negli ultimi mesi mentre stavano finalizzando la loro strategia “.

Ciò non rappresenta una prossima crisi in Siria in un contesto caratterizzato da quattro importanti sviluppi tra i più preoccupanti. 1) Gli Stati Uniti hanno deciso di rafforzare e diversificare la loro postura nucleare. Il Pentagono ha annunciato che svilupperà armi nucleari tattiche miniaturizzate “per adattarsi alle nuove minacce internazionali”. Il presidente iraniano Hassan Rohani ha risposto: “Come può qualcuno parlare di pace nel mondo e nello stesso tempo annunciare che sta sviluppando nuove armi nucleari per i suoi principali nemici?”

2) I ministri della Difesa della NATO hanno concordato il 14 e 15 febbraio a Bruxelles la bozza di una nuova revisione delle strutture di comando dell’Alleanza atlantica. Questo “adattamento – il più grande dalla fine della Guerra Fredda”, secondo il segretario generale Jens Stoltenberg, è proposto dall’esercito statunitense. Mira a rendere l’Alleanza più efficace in una crisi ad alta intensità. Chiaramente, è “meglio scoraggiare e rispondere alle nuove minacce di certi stati, prima fra tutti la Russia”.

3) In seguito alla distruzione di un combattente israeliano nello spazio aereo siriano, e mentre la polizia israeliana chiede l’incriminazione del primo ministro Benyamin Netanyahu per corruzione, Tel-Aviv accusa l’Iran di stabilirsi in Siria e minaccia di moltiplicare le sue operazioni militari. Non è la prima volta che il primo ministro israeliano, che rifiuta di dimettersi, sta sfruttando il risorgere delle tensioni regionali per consolidare il suo potere personale e la sua alleanza con l’estrema destra del paese.

4) Infine, il sostegno militare di Washington ai curdi in Siria continua a provocare l’era di Ankara. La crisi di fiducia si consuma e l’asse turco-americano è sull’orlo della rottura. Secondo contingente NATO, l’esercito turco ha dovuto accompagnare la svolta conservatrice e anti-occidentale dopo il fallito colpo di stato del luglio 2016. La missione è stata affidata a un generale con tendenze conservatrici e islamiste per ristrutturare l’esercito turco deragliato dalle purghe. [Descrizione: [IMG]]

In definitiva, il TD britannico riflette perfettamente la strategia occidentale in Siria: sabotare gli sforzi di pace di Sochi, aggiungere due nuove guerre alla crisi siriana: quella dei turchi contro i curdi e quella degli israeliani contro l’Iran e gli hezbollah libanesi. “Gli americani non hanno mai ammesso la loro sconfitta militare in Siria e non vogliono lasciar andare e soprattutto il loro principale obiettivo strategico”, ha detto un diplomatico francese di alto livello, “quello di uno smantellamento della Siria, il tipo di uno che è stato guidato in Iraq e la Libia. Il loro desiderio è di armare i curdi per controllare le aree petrolifere della Siria orientale al fine di influenzare la ricostruzione politica ed economica del paese. La pace non è per il domani.

Traduzione inglese di FNA. Francese, qui.

Correlato: rapporti sull’UNSCR 2254 e la frode fascista dell’SDF.

Share this:
Web Hosting

1 Trackback / Pingback

  1. Prohnilé tajné diplomatické setkání, které zahájilo šílenství OSN proti Sýrii | Poznámky pana Bavora

What do you think?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.