Aleppo: Glorious Rebuilding, Despite Illicit Western ‘Sanctions’

Manufacturing returns to Aleppo.

Aleppo is currently engaged in massive rebuilding, reconstruction, and returning to its former beauty. Despite the wretched and illicit ‘sanctions‘ imposed by the same colonial states which have funded and armed terrorists and then criminally bombed the country, the city is engaged in the resurrection of beauty and creativity.  

In al-Sheikh Najjar Industrial City, almost 600 factories have restarted production, and another 250 are undergoing rehabilitation. From SANA:

Aleppo, SANA-The number of the facilities which have been put into service again and started production in al-Sheikh Najjar Industrial City in Aleppo reached up to 565 facilities and currently 250 other facilities are being rehabilitated to put them back into service.

Industry Ministry Eng. Mohammad Maan Zain al-Abdin Jazbieh toured al-Sheikh Najjar Industrial City and inspected the reality of the work of facilities in it and the stages of production at them.

Director General of the General Establishment for Cement and Building Materials Dr. Ayman Nabhan, in a statement to SANA, said ” Certain parts of the Arab Cement Company on which heavy damages were inflicted at the hands of terrorists  and which went out of service are now being rehabilitated.”

Director-General of Homs Dairy Company,  Eng. Mohammad Hammad said that the production will be resumed at the diary factory in Aleppo over the coming months after repairing the machines which have been destroyed at the hands of terrorists.

Head of al-Sheikh Najjar Industrial City Hazem Ajjan,  said in a similar statement that the industrial water will be put into service again as the processes of pumping started to Aleppo and from it to the industrial city.
He added that the project of the fairgrounds will be also launched at the industrial city and it will be carried out soon.

In a statement to journalists, Industry Minister said that the industrialists have started to invest their facilities in a notable way, and they receive all the required support and attention by the Government.

He added that the facilities which have been put back into service enjoy a diversity of their products in the textile, chemical and food sectors.

Syrians are rebuilding the souks, torched by degenerate FSA terrorists in February 2013.

Especially uplifting to the human soul and psyche are the projects done by the students under the guidance of the Architectural Engineering Faculty of Aleppo University; on 15 January 2013, mortars fired on the University by FSA moderates martyred 82 students.

Architectural Engineering students show their projects.

Recommended readings:

Aleppo: Ricostruzione Gloriosa, Nonostante le “Sanzioni” Illecite dall’Occidente

Aleppo è attualmente impegnata in una massiccia ricostruzione, ricostruzione e ritorno alla sua antica bellezza. Nonostante le misere e illecite “sanzioni” imposte dagli stessi stati coloniali che hanno finanziato e armato terroristi e poi bombardato criminalmente il paese, la città è impegnata nella resurrezione della bellezza e della creatività.

Nella città industriale di Al Sheikh Najjar, quasi 600 fabbriche hanno riavviato la produzione e altre 250 sono in fase di riabilitazione. Da SANA:

Aleppo, SANA: il numero delle strutture che sono state rimesse in servizio e avviato la produzione nella città industriale di al-Sheikh Najjar ad Aleppo ha raggiunto fino a 565 strutture e attualmente altre 250 strutture sono state riabilitate per rimetterle in servizio.
Ing. Ministero dell’Industria Mohammad Maan Zain al-Abdin Jazbieh ha visitato la città industriale di al-Sheikh Najjar e ha esaminato la realtà del lavoro delle strutture e delle fasi di produzione.

Il Direttore Generale dell’Istituto Generale per il Cemento e Materiali da Costruzione, il Dott. Ayman Nabhan, in una dichiarazione rilasciata a SANA, ha dichiarato: “Alcune parti della Arab Cement Company in cui sono stati inflitti pesanti danni da parte di terroristi e che sono andati fuori servizio sono ora essere riabilitato.”

Il Direttore Generale di Homs Dairy Company, Ing. Mohammad Hammad ha detto che la produzione verrà ripresa presso lo stabilimento di Aleppo nei mesi a venire dopo aver riparato le macchine che sono state distrutte per mano dei terroristi.

Il Capo della Città Industriale di al-Sheikh Najjar, Hazem Ajjan, ha dichiarato in una dichiarazione analoga che l’acqua industriale sarà messa nuovamente in servizio quando i processi di pompaggio sono iniziati ad Aleppo e da essa alla città industriale.

Ha aggiunto che il progetto del quartiere fieristico sarà lanciato anche nella città industriale e sarà presto realizzato.

In una dichiarazione rilasciata ai giornalisti, il ministro dell’Industria ha affermato che gli industriali hanno iniziato a investire le loro strutture in modo notevole, e ricevono tutto il sostegno e l’attenzione richiesti dal governo.

Ha aggiunto che le strutture che sono state rimesse in servizio godono di una diversità dei loro prodotti nei settori tessile, chimico e alimentare.

I siriani stanno ricostruendo i souk, incendiati da degenerati terroristi della FSA nel febbraio 2013.

Particolarmente edificanti per l’anima e la psiche umana sono i progetti realizzati dagli studenti sotto la guida della Facoltà d’Ingegneria Architettonica dell’Università di Aleppo; il 15 gennaio 2013, i mortai sparati all’università dai moderati della FSA hanno martirizzato 82 studenti.


To help us continue please visit the Donate page to donate or learn other ways.
Follow us on Telegram: http://t.me/syupdates link will open Telegram app.
Share this:

Donate to Help Us Continue:

Support us by visiting this ad:

1 Trackback / Pingback

  1. Aleppo: Glorious Rebuilding, Despite Illicit Western ‘Sanctions’ – Counter Information

Comments: